Il mio carrello
items
 
Authors: Joseph Sassoon
STORIE VIRALI
Come creare racconti di marca capaci di diffondersi in modo esplosivo nel web
Il tema del virale è oggi uno dei più caldi per gli operatori di marketing. Il motivo è chiaro: nella nuova realtà determinata dall’avvento dei social media, alcuni contenuti relativi alle marche riescono a conquistare l’attenzione di moltissime persone per circolazione spontanea. Quando questo accade, il risultato è spesso straordinario.

Disponibile

15,00 €
Pages Number: 168
Year of publication: 2012


Aggiungi alla Wishlist

Altre viste

Recensisci per primo questo prodotto

Perché alcuni contenuti di marca riescono a produrre incendi virali e altri no? La questione è all’ordine del giorno e molti autori hanno già messo in evidenza aspetti importanti, come le nuove regole del marketing nei social media o la funzione del word of mouth.

C’è però un tema ancora poco trattato e, al contempo, decisivo: il ruolo dello storytelling. O, per essere più precisi, la relazione tra i fenomeni virali e la natura delle storie trasmesse sul web.

In quale misura il successo virale dipende da come una storia è congegnata? E quali devono essere i tratti di una storia che ambisca alla viralità?

Il libro dà a questi interrogativi una risposta argomentata, offrendo suggerimenti preziosi per impostare storie di marca atte a essere largamente condivise.

Il tema del virale è oggi uno dei più caldi per gli operatori di marketing. Il motivo è chiaro: nella nuova realtà determinata dall’avvento dei social media, alcuni contenuti relativi alle marche riescono a conquistare l’attenzione di moltissime persone per circolazione spontanea. Quando questo accade, il risultato è spesso straordinario. In merito a tale fenomeno, uno dei più rilevanti nel marketing contemporaneo, la domanda cruciale è: cosa determina la circolazione esplosiva di contenuti sul web? L’ipotesi di metodo alla base del libro è che la risposta vada cercata nell’intersezione, finora poco studiata, tra viralità e storytelling.

 

“Per quanto possiamo temere e odiare i virus di tipo biologico o inerenti ai computer, queste entità auto-perpetuanti e auto-propaganti hanno importanti lezioni da dare agli operatori di marketing. […] È tempo dunque di cessare di sfuggire il suono minaccioso del termine e di abbracciare il nemico” [Rayport, 1996].

Il mondo evolutivo e in forte crescita del virale ha seguito il suo consiglio fino in fondo. La metafora mantiene tuttavia qualcosa di spiacevole, e può valere la pena analizzare sia i tratti positivi che la rendono così efficace sia quelli negativi che la rendono un po’ inquietante.

[…] Ma l’accento sulla natura patogena non racconta tutta la storia. I virus infatti hanno proprietà dalle quali dipendono la loro notevole vitalità e la loro grande capacità di sopravvivenza e irradiazione. Tra esse merita riprendere quelle che Rayport sottolineava, già pensando al marketing, ovvero le seguenti:

- furtività: a differenza di chi cerca di investire il proprio target con grandi fanfare e alzando il volume, i virus sono più avveduti ed entrano nel corpo ospitante senza enfatizzare la propria presenza

- pazienza: i virus possono restare dormienti nell’ospite anche per anni, per poi risvegliarsi e agire in tutta la loro efficacia vitale

- capacità di “delega”: spesso per diffondersi i virus approfittano della normale messaggistica biologica o informatica del corpo ospitante, ciò implica un ottimo rendimento energetico

- mascheramento: essendo molto abili a mascherarsi, i virus riescono generalmente a evitare di essere rigettati dal sistema immunitario umano o dal sistema operativo

- uso dei legami deboli: i sociologi hanno notato che individui con molti legami deboli hanno più influenza sulle comunità degli individui con pochi legami forti; i virus prosperano sui legami deboli e non a caso si diffondono così bene sulle reti del web

- forza epidemica: i virus hanno la capacità di crescere in modo furtivo fino a quando la loro moltiplicazione raggiunge un punto di non ritorno che dà luogo a manifestazioni epidemiche, un’altra caratteristica assai valida per garantirne la capacità di espansione e contagio.

 

Indice

 

Introduzione

 

1. Dinamica delle esplosioni virali

2. Il potere contagioso delle storie

3. Rischi e trappole della viralità

4. Creare racconti di marca che meritino di essere condivisi

 

Conclusione

Indice analitico

Bibliografia

 


Scrivi la tua recensione

La tua recensione: STORIE VIRALI

Come consideri questo prodotto? *

  1 stella 2 stelle 3 stelle 4 stelle 5 stelle
Valutazione Complessiva