Editori di Comunicazione – libri per la cultura e le professioni della comunicazione

UNA AMMINISTRAZIONE CHE PENSA

Altre viste

UNA AMMINISTRAZIONE CHE PENSA
18,00 €

Disponibilità: Disponibile

Questo volume nasce da una scommessa dietro cui non c’è un azzardo ma un’idea: un’idea di amministrazione pubblica consapevole, strategicamente orientata al miglioramento e all’innovazione: un’amministrazione che pensa.


Descrizione

Dettagli

Questo volume nasce da una scommessa dietro cui non c’è un azzardo ma un’idea: un’idea di amministrazione pubblica consapevole, strategicamente orientata al miglioramento e all’innovazione: un’amministrazione che pensa.

Fare comunicazione e informazione nella pubblica amministrazione.

 

La legge 150/2000 ha rappresentato una svolta profonda soprattutto in campo culturale, aprendo la strada a una cultura della comunicazione nella pubblica amministrazione che, come in una giungla, ha fatto per anni fatica a trovare il sentiero giusto verso l’obiettivo finale: allargare i diritti di cittadinanza, di trasparenza, di buona amministrazione. Giunta al culmine di un processo di cambiamento che ha interessato la pubblica amministrazione nell’ultimo scorcio del secolo scorso, la nascita della comunicazione pubblica ne è forse l’evento più significativo. Confermare, più che il diritto, il dovere dell’amministrazione pubblica alla comunicazione e all’informazione è un passo deciso verso la realizzazione piena del dettato costituzionale dell’imparzialità e del buon andamento.

Esistono molti libri sulla comunicazione pubblica: scritti da accademici sotto forma di manuali, oppure da professionisti che affrontano il problema dal punto di vista delle imprese, o ancora scritti da esperti giuristi e giornalisti. Il dubbio se fosse o meno il caso di aggiungerne un altro e se davvero quest’altro avesse poi qualcosa di nuovo da dire, viene meno nel momento in cui ci si rende conto della straordinaria eccezionalità di questo libro: un piccolo miracolo che tiene insieme il professore universitario e il pubblicitario, il professionista della comunicazione e il giornalista, il grafico e l’esperto in sondaggi, il pubblico e il privato, il servizio pubblico e l’impresa. Una polifonia di voci sulla comunicazione.

 

 

 

Ulteriori informazioni

Ulteriori informazioni

Anno di edizione 2004
Recensioni